THATS YOU

INGORDO

By Miriam Di Domenico | 0 Comments


Si dice che se la strada è in salita è solo perché sei destinato ad arrivare in alto. Di sacrifici per una passione, Alessandro Tipaldi, in arte " Ingordo" ne sa qualcosa. E noi, di ThatsCore, non potevamo che inaugurare la sezione del journal presentandovi un amico e soprattutto un grande amante della cucina e di tutte le sue sfumature.

Si dice che se la strada è in salita è solo perché sei destinato ad arrivare in alto. Di sacrifici per una passione, Alessandro Tipaldi, in arte ”
Ingordo” ne sa qualcosa. E noi di ThatsCore, non potevamo che inaugurare la sezione del journal presentandovi un amico e soprattutto un grande amante della cucina e di tutte le sue sfumature.

Abbiamo avuto la fortuna di conoscerlo tre anni fa. Se vi dovessimo descrivere chi è Alessandro in tre parole, vi diremmo:  estroso, (estremamente) buono e sorridente. Eh sì, con la sua risata contagiosa e genuina e i suoi piatti gustosi è davvero difficile resistergli. Così un Lunedì che sapeva ancora di Domenica, lo abbiamo invitato da Core e tra un caffè e una risata abbiamo dato vita a qualcosa di bello. 


Chi ti conosce e segue dagli albori non avrà dubbi nel confermare che hai decisamente ingranato la quinta: sei cresciuto, migliorato e hai dato carattere ai tuoi piatti sempre di più. Ma chi è Alessandro Tipaldi ?

Alessandro Tipaldi è uno studente di Farmacia presso l’Università di Salerno. Da sempre amante del cibo e della buona cucina ho sempre visto nella cucina un luogo tutto per me in cui sperimentare cose nuove. Oltre alla cucina ed oltre all’università c’è un ragazzo curioso che ama tantissimo viaggiare e scoprire tradizioni e piatti nuovi. C’è un ragazzo che ama condividere e passare bei momenti con familiari ed amici di una vita. Un ragazzo che adora scherzare e  fare il pagliaccio con tutti. Un ragazzo come tutti gli altri ragazzi di 26 anni.

Nel tuo percorso, pensi ci siano persone che hanno inciso particolarmente su chi è “Ingordo”?

Le persone che hanno inciso su ingordo sono state tante. La prima persona è stata Mia che mi ha dato la possibilità di scoprire il mondo dei blogger e dei blog. Grazie a lei ho imparato tante cose sulla mia attuale attività, ho imparato a gestire i primi contatti per le collaborazioni con aziende e tanto altro. È una persona che ringrazio ogni volta che posso. Altri che hanno inciso su ingordo sono stati sicuramente i miei  genitori così come mio fratello che mi hanno sempre sostenuto ed aiutato in qualsiasi occasione. Hanno influito positivamente Egidio Cerrone, Gian Andrea Squadrilli e Giovanni mele , il magico trio che mi ha affiancato, mi affianca e mi affiancherà per un bel po’. Tre ragazzi eccezionali che mi hanno dato la possibilità di confrontarmi con un pubblico molto più vasto ed evadere dalla mia realtà. Grazie a loro ho capito tante cose, ho capito chi è veramente ingordo, che strada deve percorrere e come percorrerla. Mi hanno presentato ad un pubblico vastissimo e se sono quello che sono gli è grazie a loro. Altra persona ad aver influito su ingordo è Carlo Cracco. Probabilmente senza di lui ingordo non esisterebbe. Lui è stato il primo a dirmi, dopo un pranzo al suo ristorante, che se amavo la cucina ma ero nel frattempo “obbligato” a studiare altro avrei potuto rimediare creandomi una realtà che mi permettesse di non abbandonare completamente la cucina “puoi tipo aprire un blog e dar libero sfogo alla tua passione in modo da non accantonarla completamente”.

L’amore è…

L’amore è il mio nipotino che a 16 mesi, alle 15.30 del pomeriggio, fa merenda con una coscia di pollo. Oltre a lui l’amore per me è quel qualcosa che pensi di conoscere da anni e di aver condiviso per lunghi periodi di tempo. In realtà fino a quando non arriva e non lo provi realmente non ti rendi conto di cosa sia. In definitiva l’amore per me non ha una definizione precisa. Pensi di conoscerlo e di conoscere le sensazioni che porta. Poi arriva veramente e comprendi che fino a quel momento, non hai capito niente e che hai scambiato una situazione di benessere per amore che è tutta un’altra cosa ed arriva nella vita una sola volta.

Sui tuoi profili social ma ancor più sul tuo sito ufficiale abbiamo modo di apprezzare squisiti manicaretti tutta la settimana, ma c’è nello specifico un piatto a cui tu, Alessandro, sei particolarmente affezionato ?

Il piatto a cui sono particolarmente affezionato è la pasta e piselli. Il primo piatto che ho cucinato. Quello che forse mi ha fatto capire che cucinare mi piaceva più di ogni altra cosa. Il piatto che ho cucinato a 7 anni insieme a mia nonna seguendo istruzioni lasciate scritte da mia madre su un foglietto di carta. Ogni volta che lo cucino vado indietro nel tempo. Mi rivedo a casa mia, quella dove  abitavo da bambino.

Una cena a quatto mani con...

Una cena a 4 mani con capitan uncino…..Scherzo. Una cena a quattro mani sicuramente con Carlo Cracco. Nonostante la mia cucina non sia ispirata a lui devo ammettere che sarebbe il mio sogno. Capirei ed imparerei tantissime cose anche in sole 2/3 ore. Cucinerei con lui perché grazie a lui mi sono immerso completamente in questo mondo. Grazie a lui ho scoperto questo mondo. Ho cambiato il modo di vedere le cose in un ristorante ed in un piatto. Grazie a lui ho capito che dietro una semplice cucina ci sono menti, idee geniali, tanto lavoro, precisione.

Ph Miriam Di Domenico

Hai ancora cinque minuti? Scopri tutte le novità di Core e per non perderti nessuna novità iscriviti alla newsletter.

Ps. Siamo anche su Instagram !

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *